Blog: http://lostonato.ilcannocchiale.it

LA DISFIDA DEL DUALE

Come cambia il governo di MedioBanca: poteri e potenti al Risiko finanziario. In rima.


Il Conquistatore, Cesare Geronzi: il fato s'avvera

Tra i sacri muri svettava
altera la sua testa bianca.
Fatti gli scongiuri
il fato s'avvera: Re di MedioBanca.
Da Roma arriva dopo tempi bui
mentre un dei bonzi tetro inveiva:
non sarà mica lui, non sarà Geronzi.

Il Rivale, Alberto Nagel: lo scempio fatale

Fu vera superbia
sentirsi protetto
lo scempio fatale.
Per troppa protervia
il giovin provetto
cascò sul duale.
Ma corra alla cassa
ritrovi il sorriso
che ora le manca.
E se non passa
non faccia l'inviso
e lasci la banca.

L'Outsider, Alessandro Profumo: che grande invenzione!

Per fargli un dispetto
l'avevan persuaso
di starsene fuori.
Ma visto l'oggetto pensò:
non è il caos di fare i signori.
E in un momento
fu cosa normale
cambiar di opinione.
Stupore, sgomento:
evviva il duale,
che grande invenzione!

Lo Straniero, Tarek Ben Ammar: si fan Generali

Lavora di fino
è uomo garbato
di buone maniere.
Un pò levantino
sebbene stimato
dal gran Cavaliere.
I soci francesi
al duce romano
son sempre leali:
passano i mesi
e loro pian pian
si fan Generali.

Il Misterioso, Mario Draghi: dal Banco Centrale

Dal Banco Centrale
tuonò da padrone
con perfido fare.
Se stai nel duale
le tante poltrone
puoi solo sognare.
Ma, ehi! di soppiatto
con vero ardimento
tornò al normale.
Ben fatto! Ben fatto!
Fu questo il commento
di Via Nazionale.

Il Professionista, PierGaetano Marchetti: si chiami il notaio!

Tra cose da fare
e tanti azionisti
si rischia il garbuglio.
Come evitare
il batti e ribatti
che già siam a luglio?
Pratiche e carte
bisogna cambiare:
Madonna che guaio!
Per far tutto ad arte
sù! basta indugiare:
si chiami il notaio.

Pubblicato il 16/12/2008 alle 21.30 nella rubrica politica.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web