Blog: http://lostonato.ilcannocchiale.it

Lucci vale da solo il biglietto per le Iene

Lucci vale da solo il biglietto per le Iene


L’espediente retorico di Enrico è di fingere di non capire

Enrico Lucci da solo vale il biglietto che si paga per vedere le Iene (Italia 1, mercoledì, ore 21.10). Biglietto simbolico, s’intende, fatto di interruzioni pubblicitarie, di osservazioni di Rino Gattuso sulla Lega, di ritardi sulla nomina del difensore civico a Roma. Biglietto più che simbolico, visto che i filmati delle Iene sono poi tutti visibili su Mediaset.it. Lucci ci ha offerto due servizi: uno sulla moda vincente di Lapo e l’altro sul no al pizzo degli imprenditori calabresi. Il primo è da incorniciare, «una grande conferenza stampa per iniziare il 2010», un inno alla creatività, un trattato di filosofia del marketing.

L’espediente retorico di Lucci è di fingere di non capire: più Lapo si avventura nelle descrizioni sul futuro della moda, «sul nuovo decennio da affrontare alla grande», più Lucci esprime sconcerto, fa il pignolo, chiede spiegazioni e precisazioni. Sulla cravatta in maglia «però mimetica», sulla «sciarpa camouflage» (siamo sempre nel mimetico), sulle asole molto larghe e sulla sciarpa zebrata, sulla felpa «capuche» (una felpa col cappuccio). Lapo mi ricorda molto una mia vecchia zia che si era fatta un collo di pelliccia con pelli di coniglio e diceva di avere un cappotto di lapin. Lucci non tratta mai Lapo-Lapin con malanimo. Nemmeno quando gli ricorda che è stato lui il primo a lanciare la moda dei trans, ben prima di Marrazzo.

Il secondo servizio è uno spot contro il pizzo, roba seria. Alcuni imprenditori calabresi che si rifiutano di pagare il pizzo si prestano a questa campagna di civiltà, speriamo più efficace di molte prediche. Sì, perché a costo di ripeterci, da un po’ di tempo Le iene hanno assunto un tono predicatorio, fanno servizi sempre con il ditino alzato. Poi, quando devono testimoniare solidarietà alle truccatrici e alle sarte di Mediaset che rischiano il posto di lavoro, se la cavano con una frettolosa e volgarotta gag.

Aldo Grasso
15 gennaio 2010

Pubblicato il 15/1/2010 alle 13.44 nella rubrica citazioni.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web